3164603 Venice 22°C 0 Clear clear sky % 1016 bars 53 umidita' tramonto:21:00 News app

Comunicati a info@emozionarte.it · Condividi ·

Live da Twitter
625526210954853_1558656164308515
Emozionarte.it 03.03.2020
15:03

A Cecina al via la personale dell’artista Giuseppe Linardi - Déjà New

Presso le sale del Centro Espositivo del Comune di Cecina prenderà il via sabato 7 marzo la mostra ‘Déjà New’, personale

dell’artista Giuseppe Linardi, mostra promossa dall’Amministrazione Comunale di Cecina, organizzata da ACS Art Center

in collaborazione con l’Associazione Culturale Aruspicina.

La mostra, aperta dal 7 marzo al 13 aprile è a cura di Alessandro Schiavetti.

Linardi, pittore e scultore, è nato a Buenos Aires in Argentina nel 1971 e attualmente vive e lavora a Follonica, in Toscana;

l’artista, oltre che a numerose personali e collettive, ha partecipato alla 56ª Esposizione Internazionale d’Arte a Venezia con

l’installazione chiamata Toys, selezionata dal curatore Okwui Enzewor. Dopo la scuola d’arte e l’Accademia di Belle Arti a Firenze

si dedica per un periodo all’Iperrealismo, che poi evolve con uno sviluppo del suo lavoro mirato alla deframmentazione dello

stesso in colpi di pennello chiamati ‘codici’ dall’artista stesso, processando l’opera e scomponendola in vere e proprie de-

codifi cazioni apportate da tale tecnica, che disorientano l’osservatore dalla staticità d’insieme, inducendolo a rielaborare l’ottica

dell’opera in vivaci e nuove sensazioni percettive.

L’abilità di Linardi nel decodifi care si sviluppa ancora e la sua tecnica si trasforma evolvendosi nuovamente, grazie all’innato

desiderio dell’artista di sperimentare nuovi progetti e nuove forme di comunicazione; l’esperienza ottica della nuova genera-

zione di opere che l’artista realizza è un’esperienza unica per interattività e impatto. Attraverso l’utilizzo di colate specifi che

di colore che si riavvicinano, abili e fl uide pennellate e collages, i dettagli si arrotondano e aumentano la loro possibilità inter-

pretativa, alimentando di fatto l’impatto visivo e allo stesso tempo la fantasia stessa dell’osservatore che ne osserva le infi nite

possibilità compositive. Nella mostra ‘Déjà New’ l’artista propone, attraverso questa tecnica, una sua interpretazione dei

grandi classici della Storia dell’Arte italiana; alcune immortali opere dei maestri come Tiziano, Michelangelo, Caravaggio,

Botticelli, Leonardo, Raffaello, vengono reinterpretate da Linardi grazie alla sua evoluzione pittorica, che sprigiona da se stes-

sa, in un’esplosione cromatica di infi nite possibilità percettive, un’avvolgente visione d’insieme particolarmente accennante

e sensuale. Le opere che sono rimaste immortali nel tempo dei tempi, grazie all’immensità della maestria che ha caratterizzato la

Storia dell’Arte italiana nelle sue più grandi fi gure chiave, si schiude in vibranti interpretazioni contemporanee che con Linar-

di assumono un valore estetico di altissima risonanza, rimodellate e strutturalmente pronte a evolversi ancora esponendosi

virtualmente e progressivamente verso l’osservatore stesso.

625526210954853_1529556990551766
Emozionarte.it 31.01.2020
09:01

A Vicenza Ritratto di donna. Il sogno degli anni Venti e lo sguardo di Ubaldo Oppi

in Basilica Palladiana, Vicenza, fino al 13 aprile 2020

a cura di Stefania Portinari

Comunicato stampa

L’amicizia femminile, il sogno, il doppio riflesso nello specchio, il rapporto tra il pittore e la modella, donne fiere al punto da divenire feline, la nostalgia di paradisi perduti, ma anche la crudezza della realtà, sono i temi centrali della mostra.

Dipinti meravigliosi, abiti bellissimi, gioielli, sogni di esotismo, desideri di viaggi e amori pervadono lo spazio espositivo, in dialogo bellissimo con l’architettura della basilica palladiana. L’effetto sarà magico, rievocando quegli Anni Venti in cui, come scrisse la prima critica d’arte donna, la potente Margherita Sarfatti, “la pittura appare tra tutte l’arte magica per eccellenza”.

Lo scrittore Massimo Bontempelli, quasi evocasse le ragazze di oggi, raccontava con affascinata meraviglia i primi piani delle donne distratte nei caffè. Siamo negli anni Venti e, nell’Europa uscita da poco dalla Prima guerra mondiale, le donne cominciano a conquistare un proprio ruolo: sempre più autonome, seduttive e moderne. I capelli si accorciano come la lunghezza delle gonne, mentre la loro influenza nella società e nella cultura si fa sempre più intensa. Coco Chanel cambia la moda, Amelia Earhart attraversa in volo l’Atlantico, i balli di Josephine Baker incantano Parigi, Virginia Woolf scrive i suoi capolavori.

Sogni di avventure, amori e successi imperniano le esistenze degli artisti che attraversano quegli anni come un viaggio ricco di aspettative e desideri, in un tempo che sa essere anche complicato. Interpreti sensibili dei cambiamenti e dei sentimenti, i pittori danno vita a immaginari nuovi, da cui nascono ritratti di donne che si stagliano da protagoniste con potenti personalità, esaltate nella loro seducente energia.

Di queste signore offrono ritratti magnetici gli artisti che stanno promuovendo l’arte più nuova, all’insegna di una ‘classicità moderna’. Sono tutti stati convocati nella mostra: Felice Casorati, Mario Sironi, Antonio Donghi, Achille Funi, Piero Marussig, Mario Cavaglieri, Guido Cadorin Massimo Campigli e, naturalmente, Ubaldo Oppi. Oppi, cresciuto a Vicenza ma formatosi tra Vienna, Venezia e Parigi, ha un immediato successo in mostre importantissime, anche nella Milano e nella Roma dei primi anni Venti, dove viene ‘scoperto’ da Margherita Sarfatti e Ugo Ojetti. I suoi dipinti ci rivelano lo sguardo attraverso cui scorrono in mostra una costellazione di ritratti dei maggiori artisti che sono stati suoi amici e avversari in esposizioni strabilianti, dal Salon d’Automne di Parigi al Premio Carnegie di Pittsburgh, dalla Biennale di Venezia alla mostra di Modern Italian Art di New York.

La sede e il gruppo di lavoro

La mostra è parte di un progetto di rilancio della Basilica Palladiana di Vicenza, destinata a ospitare continuativamente esposizioni di rilevanza internazionale.

L’esposizione è curata da Stefania Portinari, docente di storia dell’arte contemporanea all’Università Ca’ Foscari di Venezia, affiancata da un comitato scientifico composto da Gabriella Belli (Fondazione Musei Civici di Venezia), Elena Pontiggia (Accademia di Belle Arti di Brera), Alessandro Del Puppo (Università degli Studi di Udine), Luca Massimo Barbero (Fondazione Giorgio Cini di Venezia), Nico Stringa (Università Ca’ Foscari Venezia), Valerio Terraroli (Università degli Studi di Verona), Elisabetta Barisoni (Fondazione Musei Civici di Venezia), Giuseppina Dal Canton (Università degli Studi di Padova), Sergio Marinelli (Università Ca’ Foscari Venezia), Sileno Salvagnini (Accademia delle Belle Arti di Venezia).

La mostra

Una delle correnti di pittura più affascinanti degli anni Venti è quella del “Realismo Magico”, in cui la visione della realtà è immersa in un’atmosfera di meraviglia e di attesa, che in Italia è affiancata dalle ricerche degli artisti riuniti nella definizione di “Novecento Italiano”, che declinano la loro arte evocando anche memorie della classicità e del Rinascimento.

Tale esaltante alleanza tra modernità e classicità è preceduta da una riflessione profonda sui rinnovamenti della pittura che sono avvenuti a Vienna e a Parigi tra la fine dell’Ottocento e i primi anni del Novecento, in particolare da suggestioni della Secessione Viennese guidata da Gustav Klimt, dal simbolismo e dall’espressionismo, in cui le donne sono raffigurate come fanciulle, muse dormienti, ninfe leggiadre o seduttrici, come dentro un sogno di fiaba. Non a caso la mostra si apre con la leggendaria ‘Giuditta’ di Klimt.

Quelle raffigurazioni pervadono le ricerche di molti protagonisti dell’arte italiana e trovano riscontro in particolare a Venezia, dove quelle influenze fioriscono nelle mostre di giovani artisti che si tengono a Ca’ Pesaro, dove espongono tra gli altri Vittorio Zecchin, Felice Casorati e Mario Cavaglieri, profondamenti influenzati dall’impatto di Klimt, che ha anche una sala personale alla Biennale di Venezia del 1910. Altri, come Arturo Martini, Gino Rossi o Guido Cadorin, seguono la strada indicata dal post-impressionismo o dal cubismo. Da quelle meravigliose scoperte prende avvio un mondo nuovo, un’arte che non si era mai vista, che emana ispirazioni ardite e inebrianti follie, un’idea spregiudicata che innerva la Belle Époque e scorre, rinnovata e intensa, nel primo dopoguerra.

Ubaldo Oppi (Bologna 1889 – Vicenza 1942) è un protagonista assoluto di quegli anni, uno degli artisti più famosi tra l’Europa e gli Stati Uniti: a Parigi conosce Modigliani allo sbando, ha un flirt con la modella Fernande Olivier, che lascia Picasso per fuggire con lui, viene rapito dai colori intensi e dalle pennellate fauves di Kees van Dongen, dai segni sinuosi di Matisse.

Negli anni Venti crea affascinanti ritratti di donne, dalle Amiche all’amata moglie Delhy, che vengono acquistate in collezioni favolose. Dalla Biennale di Venezia al Salon d’Automne di Parigi, dal prestigioso Premio Carnegie a Pittsburgh alla Mostra della Secessione nel Glaspalast di Monaco di Baviera, è conteso da curatori e intellettuali.

Assieme a lui si muovono nel panorama più avvincente dell’arte protagonisti, tra gli altri, quali Felice Casorati, Mario Sironi, Antonio Donghi, Cagnaccio di San Pietro, Achille Funi, Piero Marussig, Mario Cavaglieri, Guido Cadorin, Massimo Campigli.

I crediti

La mostra è promossa dal Comune di Vicenza e realizzata dal Palladio Museum e dalla Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza in collaborazione con l’Accademia Olimpica e la Fondazione Giuseppe Roi. È sostenuta dalla Provincia di Vicenza, con il patrocinio della Regione del Veneto e con il contributo di Fondazione Cariverona.

Partner della mostra è Intesa Sanpaolo.

Si ringraziano le organizzazioni e le aziende che hanno creduto e sostenuto questo progetto: gli sponsor Confindustria Vicenza, AIM Vicenza SpA e Zeta Farmaceutici con il marchio Euphidra dermocosmesi italiana e lo sponsor tecnico Idealed del Gruppo Bibetech SpA.

Media partner sono Il Giornale di Vicenza e TVA.

Hanno contribuito alla promozione della mostra il Consorzio Vicenzaè e Confcommercio Vicenza.

Un ringraziamento particolare a Cereal Docks, sostenitore della campagna Art Bonus per l’allestimento del progetto triennale Grandi Mostre in Basilica.

site www.mostreinbasilica.it

Ufficio Stampa nazionale

Studio ESSECI di Sergio Campagnolo

Tel. 049663499

Referente: Roberta Barbaro – gestione3@studioesseci.net

www.studioesseci.net

1594112021
07.07.2020
10:53
mart_museum Mart educazione | Insegnare ad arte 2020-2021 - https://t.co/Xxxa0daaH4 https://t.co/G1W3pgS794
1594023315
06.07.2020
10:15
MuseoPalazzoGrimani Ciao Maestro, la sua musica risuonerà per sempre alla Reggia 💔#EnnioMorricone https://t.co/3RRO9jamzO
1593847420
04.07.2020
09:23
Querini Stampalia «I musei sono palestre per formare i cittadini»@La_Lettura @IcomOfficiel @icom_italia https://t.co/rXcZUtvEGb
1593846811
04.07.2020
09:13
MuseoArcheoVenezia «I musei sono palestre per formare i cittadini»@La_Lettura @IcomOfficiel @icom_italia https://t.co/rXcZUtvEGb
1593684197
1592738723
1587287120
19.04.2020
11:05
Museo Diocesano Tn Iniziamo questa bella domenica di aprile con una #GoodNews ! #trentino #trento https://t.co/lHyC9geeZ6
1561214889
22.06.2019
16:48
MuseiFVG musei friuli venezia giulia: Quando del patrimonio non importa proprio nulla...... https://t.co/SzVuCStoWp https://t.co/cOEZKkaVoK
1484290882
13.01.2017
08:01
Museo aziendale In #2017 , make the #museum your house > #musesocial https://t.co/79tIKXHEWC
1594141100
07.07.2020
18:58
MUSEI DI VENEZIA Quando, nel XVIII secolo, la porcellana inizia a esser fabbricata anche in Europa, i lattimi veneziani acquistano c… https://t.co/hdo7onBSui
1594138348
07.07.2020
18:12
Guggenheim Venice Per la serie "Pezzo da museo", rubrica di @Exibart , oggi parliamo della "Coppia zoomorfica" di Max Ernst. Buona let… https://t.co/iFtxU3pAx3
1594134413
07.07.2020
17:06
MuseoPalazzoGrimani Su #EstenseDigitalLibrary potete consultare oltre 700 mila pagine di manoscritti della #BibliotecaEstense di Modena… https://t.co/hfpYjswU8W
1594134000
07.07.2020
17:00
MuseoArcheoVenezia Ci siamo anche noi 🙂Il team di #museiemotivi ha stilato un report sulle aspettative e prospettive dei musei dopo l… https://t.co/IncsHYFKtf
1594129691
07.07.2020
15:48
Querini Stampalia “L” come... LuceLa Luce è quella prodotta dalle lampade disegnate da Carlo Scarpa per i tavoli ottocenteschi della… https://t.co/mgKW3oo1SI
1594121566
07.07.2020
13:32
Museo Nicolis Il Museo Nicolis, una location unica ed esclusiva per i tuoi #eventi .Ph. Comparotto#museonicolis #veronahttps://t.co/UsCKonKwMQ
1594024815
06.07.2020
10:40
MUSE_Museum Cinema MuseDoc: un’estate per riflettere su uomo e natura 🎬 Alcuni documentari del @trentofestival proiettati nel… https://t.co/SZkfOEnbUI
1594021020
06.07.2020
09:37
Palazzo Grassi #Sneakpeek | #Untitled2020 “Untitled, 2020. Tre sguardi sull’arte di oggi” ti aspetta a Punta della Dogana dall’11… https://t.co/eunzjRvRr4
1591598688
08.06.2020
08:44
Museo Diocesano Tn 📣 Il @MuseoDiocTriden ha riaperto al pubblico e per tutto il mese di #giugno l'ingresso sarà ad offerta libera. Pro… https://t.co/BUNqGcbxpw
1563175660
15.07.2019
09:27
MuseiFVG #Pedalare in #FriuliVeneziaGiulia , dall'#Isontino alla #Carnia , dalle pianure attorno a #Pordenone al monte… https://t.co/lh1IVWBnIe
1484571825

Condividi Scarica l'app - archivio - Seguici su Facebook.